Cancel Preloader
  • +91 840 790 7700
  • newedgetechnologies01@gmail.com
  • Gat No.1371, Sonawane Wasti, Talawade, Pune 411062

Voloshin Maximilian, unendo le persone

“Guarda tutto, capisci tutto, sappi tutto, sopravvivi a tutto”, ecco il poeta formulato da Maximilian Voloshin. Questa suscettibilità al mondo esterno, l’incapacità di limitarsi allo stretto quadro di una scuola estetica, era probabilmente la ragione per cui tra i poeti eccezionali dell’era d’argento, Voloshin occupava un posto speciale. Non si è unito né simbolismo né acmeismo o futurismo. Sembrava un po ‘sul poeta: denso, ridicolo, estremamente naturale nei vestiti e nella vita di tutti i giorni … Max, come tutti lo chiamavano, è riuscito a costruire un mondo molto speciale aperto ad amici e satelliti casuali.

Il poeta e il meraviglioso artista direttivo, Voloshin considerava la sua scuola principale l’impressione della vita reale. La vita del poeta e le rotte creative sono sorprendenti: Kiev, Mosca, Petersburg, tutta Europa, deserti asiatici e, infine, il famoso Koktebel, per sempre associato al nome di Voloshin. “La casa di Voloshin”, ha detto Andrei Bely, “questo è un cast vivente di un volto unico, memoria eterna di lui”. Il creatore di questa casa stesso scrisse: “Voloshinsky House non sono io. Un’intera squadra. Un collettivo di artisti, poeti, filosofi, musicisti, scienziati “. L’intero Koktebel con il famoso rock che ricorda il profilo del poeta è diventato un monumento al Voloshin:

Il suo wormwood salta con il mio desiderio, il mio verso canta nelle onde della sua marea, e sulla roccia, che è stata chiusa dal molo della baia, il mio profilo è bruciato dal destino e dai venti.

Le sue date

  • 16 maggio 1877: a Kiev nella famiglia di un membro della Camera di Kyiv di tribunale criminale e civile Alexander Maksimovich Kiriyenko-Voloshin e sua moglie Elena Ottobaldovna (occhio di Nee), figlio di Massimiliano. N 1881: morte del padre, che si trasferisce a Mosca.
  • 1897-1900: studio presso la facoltà di legge dell’Università di Mosca.
  • 1901: Lezioni di elenchi nella Sorbona.
  • 1899-1902: viaggi, impegnato nella pittura.
  • 1903: costruire una casa a Koktebel.
  • 1910: la sua prima raccolta di “poesia” sta uscendo.
  • 1917: traduce Emil Verkharna, rilascia la collezione “Iveni”.
  • 1920-1922: lavori nel campo dell’educazione pubblica.
  • 1927: l’apertura della mostra dell’autore presso la State Academy of Arts.
  • 1929: gli acquerelli Voloshin sono esposti alla mostra in Olanda.
  • 1931: trasferisce la sua casa all’Unione degli scrittori
  • 11 agosto 1932: il Maximilian Voloshin morì;Sepolto in Crimea, a Koktebel sul Monte Kuchuk-Senishara, in seguito chiamato Voloshinskaya.

Chiavi per la comprensione

Amore per vagare

“La terra è così piccola pianeta che è un peccato non visitare ovunque”, ha scritto Voloshin a sua madre. Ha viaggiato e camminava intorno alla metà dell’Europa europea e amava sentirsi come un vagabondo. “Sei mesi trascorsi nel deserto … è stato un momento decisivo nella mia vita spirituale. Qui ho sentito l’Asia, l’Est, l’antichità, la relatività della cultura europea “. In questa strana unità per molti, il suo mondo è stato scavato:

Uscano in tempo, annegano in astronavi, eventi, sogni, navi … porto i vagabondaggi della terra ai vagabondaggi della terra.

Essere amici generosamente

Maximilian Voloshin si è definito “Korobeynik delle idee”. Marina Tsvetaeva, afferrando le sue parole, lo ha definito una “scatola di amici”. In effetti, è difficile chiamare un’altra persona così generosa per l’amicizia come Voloshin. Adorava dare, diede generosamente: durante la notte, acquerello fresco, pranzo,

Certo, è un po ‘meglio che se rappresenti il ​​primo durante il tuo sesso. E se la ragazza chiama Kamagra italiana nome del torto, e qualcuno affatto sconosciuto? Su questa domanda nella scienza, Ahimè, non esiste una risposta di consolazione.

pensiero, poesia, speranza. Ha impedito possibili inimicizia, invidia, malato. Ancora una volta Tsvetaeva: “Ha trasformato ogni mano aromatizzata, con il suo stupore, si è trasformato in una ridotta, e è successo e in una prolungata”. Lo ha fatto facilmente e sinceramente.

Apri la tua casa

Nella poesia “La casa del poeta”, Voloshin ammette l’amore di, forse il lavoro principale della sua vita: la casa di Koktebel:

La tempesta si placò. Ha licenziato un fuoco.Ho accettato la mia vita e questa casa, come un dono, è in unità, ampia per me dal destino, come segno che sono adottato dalla Terra.

È improbabile che un fenomeno così incomprensibile possa spiegare con una semplice ospitalità come il fatto che nel 1924 circa 300 persone hanno visitato la casa del poeta, circa 400 nel 1925, nel 1928-625 e T.D. Tra gli ospiti permanenti – a. Chukovsky e. Ehrenburg, circa. Mandelstam, a. Bianco, c. Bryusov e molti altri poeti e artisti.

Tutti i seni al mare, proprio sul fratello est, come una chiesa, un laboratorio e di nuovo la cotiglia umana attraverso la sua porta, non esausto.

Nel 1931, Voloshin trasferì la sua casa in dono all’Unione degli scrittori.

Comprensione come dovere umano

Durante la prima guerra mondiale, Voloshin dichiara apertamente: “Mi rifiuto di essere un soldato, come europeo, come artista, come poeta … come poeta, non ho il diritto di sollevare una spada, dal momento che mi viene dato un parola e prendi parte alla discordia, poiché il mio dovere è capire “. La guerra per Voloshin è la più grande tragedia dei popoli. Per lui in questi giorni, “non c’è né nemico né fratello: tutto è in me e io sono in tutto”. Questa posizione era ancora più nitida nella guerra civile, che Marina Tsvetaeva scrisse brillantemente: “Ha salvato il rosso dal bianco e dai bianchi dal rosso, o meglio, dal bianco e bianco dal rosso, cioè una persona di un branco di tutti, sconfitto dai vincitori. E in questa scelta è irremovibile:

E sono solo tra loro con la fiamma ruggente e Dymi con tutte le mie forze che posso per quelli e gli altri.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *